COME PRENDERSI CURA DI UN'ORCHIDEA - come trapiantare un'orchidea e l'acqua, di che tipo di vaso hai bisogno

La "ricetta della felicità" per un'orchidea è semplice: crea per essa un'estate eterna, luce solare diffusa e umidità. Ciò è facilitato da due condizioni.

Illuminazione

Le orchidee non sopportano la luce solare diretta, ma non amano nemmeno l'ombra profonda. Il posto migliore per loro sono le finestre a ovest e ad est. Le ore diurne per un'orchidea dovrebbero durare, in media, 12 ore. Quindi da settembre a marzo dovrai illuminare il fiore con una lampada, e il resto del tempo dovrai ombreggiarlo con persiane, tende o pellicole sulla finestra.

Temperatura dell'aria

Le orchidee hanno paura delle correnti d'aria e dell'aria calda delle batterie. Diversi tipi di fiori richiedono un regime di temperatura speciale:

  • per phalaenopsis, dendrobium e cattleya, la temperatura ottimale diurna è di 25-32 ° C e di 18-20 ° C di notte;
  • odontoglossum, miltonia e altre specie di montagna si godono la giornata a 20-22 ° C e la notte a 15-18 ° C;
  • dendrobiums, laelias, papiopedilums si sentono meglio a 19-22 ° C di giorno e 15-18 ° C di notte.

Come trapiantare un'orchidea e quando

Rinvasa le tue orchidee ogni uno o due anni. Il momento migliore per trapiantare è in primavera, quando la pianta sta crescendo.

  • Liberare le radici della pianta dal vecchio vaso da fiori tagliando o rompendo delicatamente.
  • Esamina le radici, risciacqua e asciuga. Rimuovere quelli marci o secchi con un coltello, un potatore o un bisturi calcinati sul fuoco. Polvere di tagli freschi con cannella in polvere, carbone attivo o carbone.
  • Mettere la pianta in una pentola di substrato preparato, stendendo le radici e coprendole leggermente con il composto. Se la pianta ha un cormo, dovrebbe sporgere sopra la superficie del terreno.
  • Durante il reimpianto, posizionare un pezzo di polistirolo sotto la base del gambo. "Tira" l'acqua verso se stessa e si asciuga rapidamente. Le orchidee non soffriranno di umidità in eccesso dopo l'irrigazione.
  • Metti la pianta trapiantata in una bella fioriera o vaso decorativo per il piacere degli occhi.
  • Spostati in un'area ombreggiata per una settimana e non innaffiarla questa volta per adattarla.

Che tipo di vaso è necessario per un'orchidea?

Trapiantare le tue orchidee in un vaso di terracotta o di ceramica non è una buona idea. La pianta morirà a causa della decomposizione delle radici. In condizioni naturali, l'orchidea cresce sugli alberi e utilizza le radici per la fotosintesi. È alimentato dall'acqua quando cadono le piogge tropicali.

L'utensile ideale per il trapianto è una scatola di vimini fatta di ramoscelli o una scatola lavorata a maglia da doghe di legno con grandi fessure. La terza opzione è uno speciale vaso per orchidee di plastica trasparente. Pratica più fori sul fondo e sui lati della pentola in modo che le radici siano ben ventilate. Il drenaggio dalla perlite o dalla ghiaia fine dovrebbe occupare almeno un terzo dell'altezza del vaso da fiori.

In quale terreno dovrebbe essere trapiantata l'orchidea?

Una bellezza tropicale non "vive" nella terra. Il miglior substrato di piantagione naturale è una miscela di corteccia di pino, pioppo o quercia, carbone di legna e radici di felce tritate. È meglio comprare una tale briciola nel negozio. Oppure prepara tu stesso il terreno.

  • Fai bollire grandi pezzi di corteccia per neutralizzare il catrame dannoso e sbarazzarti dei vermi che vivono in esso.
  • Far bollire per mezz'ora, scolare l'acqua. Quindi fallo bollire di nuovo in un'altra acqua.
  • Asciugare la corteccia e il terreno è pronto. Aggiungere muschio, torba, pezzi di gesso o briciole di schiuma a piacere.

Come innaffiare un'orchidea

Il principio è semplice: è meglio non rabboccare che versare. Le orchidee possono facilmente tollerare le radici secche, ma l'umidità in eccesso le distruggerà.

È meglio innaffiare il fiore con acqua di fusione o piovana. Filtrare l'acqua del rubinetto e sistemare. La sua temperatura dovrebbe essere 3-5 gradi sopra la temperatura ambiente.

Determinare la necessità di irrigazione è facile. Tre segni ti aiuteranno a navigare.

  1. Se c'è condensa all'interno, non innaffiare, anche se le radici ti sembrano secche.
  2. Le radici verdastre non richiedono umidità, quelle giallo-grigiastre devono essere annaffiate.
  3. Infila uno spiedino di legno all'interno della pentola come per controllare se la torta è cotta. Immergilo nel terreno per due ore, quindi rimuovilo. Se il bastoncino è asciutto, innaffialo.

Come innaffiare correttamente un'orchidea in fiore

  • Metti la pentola con la pianta in una ciotola d'acqua per mezz'ora.
  • Spruzza le foglie dell'orchidea, ma solo la parte inferiore della foglia. L'acqua non deve entrare nell'uscita in modo che la pianta non marcisca.
  • Non gocciolare acqua sui fiori, altrimenti potrebbero apparire delle macchie sui petali.

Cura dell'orchidea durante e dopo la fioritura

In natura, il "meccanismo" della bellezza dell'orchidea è messo a punto come un orologio: i boccioli sbocciano quando c'è siccità ai tropici. Se non fiorisce per molto tempo, non ti prendi cura di esso correttamente e lo innaffi spesso. È importante che il fiore sia esposto a una luce intensa e diffusa. Cresce all'ombra, ma non fiorisce.

Non saturare eccessivamente le orchidee con i fertilizzanti. Nutrilo dopo due o tre settimane durante la fioritura o quando noti una foglia che cresce. Se innaffi ogni due settimane e l'orchidea ostinatamente non fiorisce, stimolala a fiorire: annaffia anche meno spesso.

Dopo che i petali sono caduti, non affrettarti a rimuovere il peduncolo finché non si asciuga - potrebbero esserci dei boccioli dormienti su di esso, che daranno nuovi fiori o "bambini". Tagliarlo, ma lasciare 2-3 cm sopra il taglio in modo che il bocciolo non si secchi.

Suggerimento: "5 modi per annaffiare i fiori durante le vacanze"

Guarda life hack come creare un vaso di fiori da vecchi dischi