Recensione dello Smartphone Samsung Galaxy Note 3 (Parte 1)

Samsung Galaxy Note 3

È la linea Galaxy Note di Samsung che è diventata la prima linea di phablet: smartphone ad alte prestazioni con una diagonale dello schermo di oltre cinque pollici. All'inizio dell'autunno 2013, la linea Galaxy Note ha ricevuto uno smartphone di terza generazione, il Samsung Galaxy Note 3, che è diventato la sua nuova ammiraglia. Il modello aggiornato non solo ha ricevuto un display con una diagonale ancora più grande, ma anche molte nuove utili funzionalità che portano il modello Note 3 a un nuovo "livello". Come con i modelli precedenti della linea Galaxy Note, il Galaxy Note 3 si concentra sulle specifiche del software. È destinato a uomini d'affari e creativi ed è ricco di varie funzioni, ad esempio il supporto per il controllo tramite la penna stilo S Pen.

Lo smartphone Samsung Galaxy Note 3 può essere giustamente considerato lo smartphone di punta della fine del 2013 e della prima metà del 2014, poiché in esso sono implementati tutti gli ultimi sviluppi. Il Note 3 presenta la piattaforma hardware più performante, un'enorme capacità di archiviazione, un superbo display Full HD da 5,7 pollici, una straordinaria fotocamera da 13 megapixel e la leggendaria durata della batteria che si trova in tutti gli smartphone Galaxy Note. Tutti i vantaggi di cui sopra sono armoniosamente combinati con le capacità di scrittura a mano, riconoscimento della grafia, programmi proprietari per la creazione di note, illustrazioni, diagrammi, tabelle, schizzi, disegni, ecc.

In una recensione è difficile elencare e descrivere tutti i vantaggi di questo smartphone, per conoscerli tutto ciò che serve per utilizzare il Samsung Galaxy Note 3 almeno una settimana.Tuttavia, in questa recensione è possibile conoscere in dettaglio tutte le principali caratteristiche e capacità di questo dispositivo ...

Aspetto ed ergonomia

Sorprendentemente, la prima cosa che noti quando prendi in mano uno smartphone Samsung Galaxy Note 3 è, sorprendentemente, non un display con una diagonale ancora più grande in un case più piccolo (rispetto al modello Samsung Galaxy Note 2), ma il retro del Note 3. Il fatto è che non è fatto di plastica lucida poco pratica, ma di plastica con un rivestimento gommato soft-touch, che ha un motivo in rilievo, che rende la superficie del pannello posteriore molto simile alla pelle artificiale. Naturalmente, le persone che sanno molto sulla pelle naturale e sui prodotti da essa realizzati capiranno immediatamente che non un solo centimetro quadrato di vera pelle è stato utilizzato nella fabbricazione del pannello posteriore dello smartphone. Tuttavia, il rivestimento è molto simile alla similpelle di alta qualità utilizzata nella produzione di copertine per notebook.L'associazione con un taccuino di carta è esaltata dall'imitazione di cuciture lungo i bordi del pannello posteriore e da un motivo in rilievo sui bordi laterali, che evoca associazioni con le pagine di un taccuino. Tutto quanto sopra si applica al modello nero. Nella configurazione bianca, la cover posteriore è la stessa, ma, per qualche motivo, ha un rivestimento più rigido e simile al normale rivestimento in plastica ondulata. Indipendentemente dal colore del modello, il materiale con cui è realizzato il pannello posteriore è abbastanza resistente e per graffiarlo, devi provare.Indipendentemente dal colore del modello, il materiale con cui è realizzato il pannello posteriore è abbastanza resistente e per graffiarlo, devi provare.Indipendentemente dal colore del modello, il materiale con cui è realizzato il pannello posteriore è abbastanza resistente e per graffiarlo, devi provare.

Nella parte superiore del pannello posteriore è presente un modulo fotocamera, sotto il quale è presente un luminoso flash LED. Appena sotto il modulo della fotocamera, c'è il logo del produttore in rilievo sul pannello posteriore.

La maggior parte del pannello frontale dello smartphone Samsung Galaxy Note 3 è occupato da un display touchscreen da 5,68 pollici, ricoperto da un Gorilla Glass 3 temperato. Una caratteristica interessante è che nel Samsung Galaxy Note 2, il vetro protettivo sporgeva sopra la superficie dei bordi laterali, e nel modello Samsung Galaxy Note 3 è il contrario: i bordi laterali, che si innalzano sopra la superficie del pannello frontale, sembrano formare un "lato" protettivo con un'altezza di una frazione di millimetro. Sebbene il vetro protettivo e ad alta resistenza - Gorilla Glass 3, non importa come, ma se lo desideri e la diligenza, può anche essere graffiato, quindi una protezione aggiuntiva sotto forma di bordo non è superflua e previene danni indesiderati che possono verificarsi quando si abbassa il pannello anteriore dello smartphone ... Sopra il display c'è lo slot per l'altoparlante di comunicazione, il logo Samsung,obiettivo della fotocamera anteriore e un set di sensori.

Le dimensioni dello smartphone sono piuttosto grandi: 151,2 x 79,2 x 8,3 millimetri, si adatta bene al palmo di un uomo grande, ma per la mano di una donna piccola il dispositivo potrebbe essere troppo grande, sebbene tutto sia individuale. Lo smartphone Samsung Galaxy Note 3 pesa un po '- 168 grammi, nonostante le sue grandi dimensioni. Sebbene il display del Samsung Galaxy Note 3 sia grande, il suo corpo è più sottile di 1,1 millimetri, più stretto di 1,3 millimetri, ma più alto di 0,1 millimetri rispetto al Samsung Galaxy Note 2. Ciò è stato ottenuto riducendo lo spessore delle cornici laterali del display. Grazie alla superficie antiscivolo del pannello posteriore, il dispositivo si adatta bene alla mano e non cerca di scivolare fuori. Se ti ci abitui, lo smartphone può anche essere abbastanza comodo da tenere con il pollice medio e l'indice di una mano.

Ci sono tre pulsanti di controllo sotto il display del Galaxy Note 3. Il pulsante Home è meccanico e ha una forma familiare. A destra ea sinistra del pulsante Home ci sono i pulsanti a sfioramento "Indietro" e "Menu contestuale". I pulsanti a sfioramento non sono visibili quando la retroilluminazione o la retroilluminazione del display è disattivata. La retroilluminazione dei pulsanti a sfioramento può essere impostata in modo che non si accenda affatto, si accenda solo per un secondo, tre secondi, sei secondi o in modo che rimanga accesa per tutto il tempo in cui la retroilluminazione del display è attiva. La particolarità del Galaxy Note 3 per quanto riguarda i tasti a sfioramento è che puoi persino premerli con lo stilo S Pen, cosa che non era possibile con il Galaxy Note 2. Ciò semplifica il lavoro con il controllo costante della penna.

I bordi laterali, come si addice a un dispositivo di punta, non sono in plastica, ma in metallo cromato, il che è una buona notizia. Sul bordo laterale destro, al solito posto, c'è un pulsante di accensione / blocco. Simmetricamente ad esso, sul lato sinistro è presente un pulsante di controllo del volume associato. Sul bordo laterale superiore è presente un'uscita audio (3,5 mm), una porta a infrarossi e un microfono per la riduzione del rumore. Sulla faccia laterale inferiore c'è uno slot per il microfono principale, coperto da una rete metallica, un vano per riporre lo stilo S Pen, un microfono e, cosa più interessante, una porta microUSB 3.0. La porta microUSB 3.0 differisce dalla porta microUSB 2.0 in quanto ha una sezione aggiuntiva, che fornisce un aumento della velocità di trasferimento dei dati e una ricarica più rapida della batteria. Allo stesso tempo, la porta microUSB 3.0 è costruita in questo modoche è completamente compatibile con microUSB 2.0.

Gli svantaggi dell'ergonomia dello smartphone Samsung Galaxy Note 3 includono il fatto che l'altoparlante multimediale si trova sul bordo inferiore, tenendo lo smartphone in posizione orizzontale, spesso si scopre inavvertitamente di coprirlo con il palmo della mano, a causa del quale la qualità del suono diminuisce. Tuttavia, questo inconveniente è insignificante, poiché la posizione dell'altoparlante multimediale può abituarsi rapidamente e l'altoparlante stesso è rumoroso e suona alla grande. Inoltre, lo svantaggio è che l'altoparlante di comunicazione è molto vicino al bordo laterale superiore, quindi è necessario ricordare che non si dovrebbe mettere il dispositivo troppo vicino all'orecchio quando si riceve una telefonata.

Rimuovendo il coperchio della batteria, l'utente accede al doppio slot per l'installazione di una scheda SIM microSIM e di una scheda di memoria microSD. La batteria ricaricabile utilizzata nel Samsung Galaxy Note 3 è più stretta, ma superiore a quella utilizzata nel Samsung Galaxy Note 2. La capacità della batteria è leggermente aumentata ed è ora di 3200 mAh invece di 3000 mAh.

In generale, il dispositivo ha un bel design, che sottolinea il fatto che il Samsung Galaxy Note 2 è la versione più moderna del notebook di un uomo d'affari.

Schermo

Il Galaxy Note 3 è dotato di un display da 5,7 pollici con una risoluzione di 1920 x 1080 pixel (Full HD). La densità dei pixel non è un record, ma è di ben 386 dpi. In breve, il display dello smartphone può essere definito chic. Come quasi tutti i display di altri smartphone di punta di Samsung, il display del Galaxy Note 3 è realizzato utilizzando la tecnologia Super AMOLED. È Super AMOLED, non Super AMOLED Plus.

Quando si produce una matrice utilizzando la tecnologia Super AMOLED, viene utilizzato il layout pixel Pen Tile, quando vengono utilizzati meno di tre subpixel RGB per creare un punto immagine. L'uso della tecnologia Pen Tile nei display con risoluzione HD e inferiore ha indotto molti utenti a lamentarsi degli spiacevoli effetti frastagliati e ladder che apparivano a causa della disposizione non standard dei subpixel, delle transizioni di colore brusche e degli elementi dell'interfaccia molto sottili. A un attento esame, questi difetti della piastrella della penna erano chiaramente visibili. Se la risoluzione è superiore all'HD, come nel Galaxy Note 3, la densità dei pixel e dei subpixel è maggiore e quindi, da una distanza di oltre 15-20 centimetri, questi effetti spiacevoli non possono essere individuati.Ecco perché l'utilizzo della matrice Super AMOLED non può essere il fattore determinante al momento di decidere se acquistare o meno uno smartphone Galaxy Note 3.

La luminosità della retroilluminazione del display può essere impostata tra 5 cd / m2 e 310 cd / m2. Per alcuni utenti a cui piace leggere prima di coricarsi, la luminosità minima della retroilluminazione potrebbe non sembrare abbastanza debole, ma dalla lettura alla luminosità minima della retroilluminazione del display, non sarai accecato dall'elevata luminosità dello schermo e sicuramente non disturberà gli altri. E, tuttavia, non dovresti abusare della lettura dallo schermo di uno smartphone al buio. La massima luminosità della retroilluminazione, sebbene non fenomenale, è sufficiente per la maggior parte delle situazioni. Anche alla luce solare diretta, il display rimane leggibile.

Il lavoro del sensore di luce merita un elogio speciale, è molto sensibile ai cambiamenti nell'illuminazione ambientale. È anche possibile regolare manualmente la luminosità della retroilluminazione di cinque punti verso l'alto o verso il basso, senza entrare nella modalità di regolazione manuale della luminosità della retroilluminazione.

Ad alcuni utenti non piacciono le matrici realizzate con la tecnologia Super AMOLED, non solo per gli effetti Pen Tile, ma anche per il fatto che il colore bianco è notevolmente distorto su di esse quando si guarda il display da una grande angolazione. Per quanto riguarda il modello Galaxy Note 3, questa distorsione non è così pronunciata, soprattutto se confrontata con gli smartphone delle generazioni precedenti. Quando si guarda lo schermo da una grande angolazione, la tinta verde-blu non è più così pronunciata anche rispetto al modello Galaxy Note 2, e quindi se non ti imponi il compito di vederlo, potresti anche non notarlo.

I vantaggi delle matrici realizzate con tecnologia Super AMOLED sono da sempre considerati massimi angoli di visione, ottimo contrasto e ottima visualizzazione di tutte le sfumature di nero. Il display del Galaxy Note 3 ha tutto questo, anche il calibratore si rifiuta di registrare il livello di luminosità del nero - 0 cd / m2!

La gamma di colori della matrice realizzata utilizzando la tecnologia Super AMOLED è molto più ampia della gamma di colori sRGB usuale per i monitor desktop, e quindi le sfumature dei colori primari (blu, rosso e verde) sono più sature. In precedenza, la resa cromatica dei display AMOLED era molto "acida", ma ora, grazie alle varie modalità di resa cromatica ("Dinamica", "Cinema", ecc.), Questo parametro può essere regolato secondo i propri gusti.

Siamo molto soddisfatti dei parametri di resa cromatica nella modalità "Professional Photo", non per niente si chiama così "ad alta voce", ha un'ottima linearità di temperatura colore, sfumatura uniforme e resa estremamente accurata delle tonalità neutre. L'unico inconveniente della modalità "Foto professionale" può essere considerato una gamma di colori insolitamente ampia, che visualizza i colori un po 'in modo errato, se tutto è uguale, rispetto a un monitor desktop. Sul display, l'immagine apparirà luminosa e satura, ma sul monitor di un computer desktop, la stessa immagine apparirà più chiara.

In generale, il display è molto buono e tutti i suoi difetti sono insignificanti e non possono influire in modo significativo sul comfort di lavorare con lo smartphone Galaxy Note 3.

Hardware e prestazioni

Come l'ammiraglia Galaxy S4, il Samsung Galaxy Note 3 sarà disponibile in diverse configurazioni che variano in base alle piattaforme hardware. Il modello SM-N900 viene fornito in Ucraina, che è costruito sulla base del processore Exynos 5420 a 8 core, i cui core funzionano sulla tecnologia big.LITTLE (4 + 4). In altri paesi verranno venduti anche i modelli SM-N9005 e SM-N9002, basati sul processore Snapdragon 800 e progettati per funzionare anche su reti LTE. Ci sono informazioni non confermate che le ultime due configurazioni non saranno compatibili con le schede SIM degli operatori ucraini, in quanto saranno legate alla regione a cui sono destinate.

Se consideriamo in dettaglio la configurazione dell'SM-N900, destinata al mercato ucraino, allora è costruita sulla base del processore Exynos 5 Octa 5420, che è realizzato utilizzando una tecnologia di processo a 28nm e ha due set di core. Il primo kit contiene quattro core ARM Cortex-A15, con clock a 1.9 GHz e con prestazioni molto elevate, ma che consumano anche molta energia. Il secondo kit ha quattro core ARM Cortex-A7 che funzionano a 1,3 GHz e consumano meno energia di conseguenza. Grazie all'utilizzo della tecnologia big.LITTLE, i kit del processore funzionano a turno, quando è necessario eseguire attività casuali, vengono utilizzati core Cortex-A7 con prestazioni e consumo energetico inferiori, e quando è necessario eseguire attività ad alta intensità di risorse, funzionano solo i core Cortex-A15. A differenza dei modelli precedenti,nello smartphone Note 3, la tecnologia big.LITTLE è implementata con la funzione GTS, che consente a tutti gli otto core di essere collegati per funzionare nel momento del carico di picco. In questa modalità, le attività in background vengono eseguite dai core Cortex-A7 "economici", mentre le attività principali sono eseguite dai core Cortex-A15 "potenti". Grazie a questo principio di funzionamento del processore, nella pratica si ottengono prestazioni elevate e si registrano benchmark. Nel test sintetico delle prestazioni AnTuTu Benchmark, lo smartphone ha ottenuto più di 34 mila punti e, di conseguenza, è stato più veloce non solo del suo predecessore Galaxy S4, ma anche più veloce di un altro smartphone di punta: il Galaxy S4.e le attività principali sono i "potenti" core Cortex-A15. Grazie a questo principio di funzionamento del processore, nella pratica si ottengono prestazioni elevate e si registrano benchmark. Nel test sintetico delle prestazioni AnTuTu Benchmark, lo smartphone ha ottenuto più di 34 mila punti e, di conseguenza, è stato più veloce non solo del suo predecessore Galaxy S4, ma anche più veloce di un altro smartphone di punta: il Galaxy S4.e le attività principali sono i "potenti" core Cortex-A15. Grazie a questo principio di funzionamento del processore, si ottengono prestazioni elevate nella pratica e prestazioni record nei benchmark. Nel test sintetico delle prestazioni AnTuTu Benchmark, lo smartphone ha ottenuto più di 34 mila punti e, di conseguenza, si è rivelato più veloce non solo del suo predecessore Galaxy S4, ma anche più veloce di un altro smartphone di punta: Galaxy S4.

Il processore è abbinato a un chip grafico a 6 core Mali-T628, che, come il processore, ha un'architettura ARM. Il chip video ha prestazioni elevate, ma in questo indicatore è inferiore al chip video Adreno 330 accoppiato con processori Snapdragon 800. Le capacità del sottosistema grafico che supporta OpenGL 3.0 sono sufficienti per tutti i tipi di attività, che si tratti di giochi 3D o di tutti i tipi di video.

Inoltre, la piattaforma hardware del modello Samsung Galaxy Note 3 differisce in quanto ha un modulo RAM con un volume non di due, ma di tre gigabyte. Disponibile per l'uso 2,66 gigabyte. Allo stesso tempo, dopo aver avviato il sistema operativo e tutte le applicazioni preinstallate che svolgono costantemente il loro lavoro in background, vengono sottratti alla RAM disponibile altri 1.3 gigabyte di RAM. Di conseguenza, l'utente ha a disposizione solo poco più di 1,3 gigabyte di RAM, che non è molto per gli standard moderni. Non ci sono lamentele sulle prestazioni dello smartphone.

La memoria flash permanente nello smartphone è di 32 gigabyte (è prevista una configurazione con un'unità flash con una capacità di 64 gigabyte), di cui più di venti gigabyte sono a disposizione dell'utente. Il resto dello spazio è occupato dai file del sistema operativo, dell'interfaccia utente e delle applicazioni preinstallate. Se necessario, la quantità di memoria permanente può essere ampliata mediante una scheda di memoria microSD con una capacità fino a 64 gigabyte. È supportato il trasferimento di applicazioni dalla memoria interna a una scheda di memoria, viene effettuato premendo un solo pulsante nelle proprietà di una particolare applicazione, che deve essere trasferita.

Il trasferimento dati wireless nel modello Galaxy Note 3 viene effettuato tramite Wi-Fi 802.11 a / b / g / n / ac integrato, Bluetooth 4.0, NFC, LED IR e GPS (+ GLONASS). Vale anche la pena notare che il dispositivo è dotato di un accelerometro, un sensore di prossimità, una bussola, un sensore di umidità, un barometro, un termometro e un sensore di riconoscimento del movimento.

telecamera

Se prima la fotocamera era uno dei parametri aggiuntivi e secondari, poiché non poteva competere nella qualità delle riprese con le fotocamere convenzionali, ora, con un significativo miglioramento della qualità delle matrici delle fotocamere utilizzate negli smartphone, è venuta alla ribalta. Le fotocamere dei moderni smartphone di punta possono competere nella qualità delle riprese anche con fotocamere compatte economiche, motivo per cui un parametro come una fotocamera è alla pari con parametri così importanti di qualsiasi smartphone moderno come la qualità della comunicazione, il display e la piattaforma hardware. Ecco perché alcuni utenti, che non sono molto esigenti sulla qualità delle immagini, ma apprezzano proprio catturare un momento memorabile, usano persino uno smartphone invece di una fotocamera, portandolo, ad esempio, in vacanza.

Il Galaxy Note 3 è dotato di due fotocamere: quella principale con una risoluzione di tredici megapixel e quella anteriore con una risoluzione di due megapixel.

La fotocamera principale è dotata di un sensore BSI e ha un flash LED che ha un CRI molto alto. La fotocamera principale non supporta la stabilizzazione ottica, ma è disponibile la stabilizzazione dell'immagine digitale.

L'interfaccia della fotocamera è molto ricca e ha un sacco di modalità che potremmo vedere nella fotocamera del Galaxy S4. Tra la varietà di modalità, vorrei prestare particolare attenzione a "Toni saturi" (HDR), "Correttore", "Foto con audio", "Ritocco", "Foto migliore", "Panorama", "Viso migliore" e "Scatto circolare" ".

Naturalmente, vorrei prestare particolare attenzione a una modalità come "Toni saturi", poiché in realtà è una delle più utili e viene utilizzata più spesso quando è necessario ottenere una foto davvero eccezionale. L'essenza degli algoritmi incorporati in questa modalità non si riflette pienamente nel nome, la modalità HDR permette di fotografare un oggetto in condizioni di luce difficili e allo stesso tempo di non perdere dettagli preziosi né al buio né nelle zone chiare dell'immagine. Scattare in modalità Tono vivace evita lo sbiadimento del colore e le ombre carboncino. La modalità HDR è particolarmente efficace quando si fotografa in controluce (contro il sole), così come nelle scene in cui ci sono bruschi cambiamenti di luce, ad esempio, quando si riprendono interni, quando si desidera catturare anche la vista fuori dalla finestra. È grazie al fattoche in modalità HDR viene utilizzata una gamma dinamica estesa, in questa modalità la fotocamera dello smartphone, che solitamente soffre di una mancanza di latitudine fotografica, risulta essere resa uno strumento fotografico migliore in termini di esposizione.

A sinistra c'è una foto scattata in modalità Auto, a destra un'immagine scattata in modalità HDR:

Anche un non esperto di fotografia noterà la differenza tra la qualità delle immagini scattate dalla fotocamera Note 3 e dallo smartphone Note 2. La fotocamera Note 3 è molto più brava nell'impostare la modalità Auto, che è quella più utilizzata, il bilanciamento del bianco in qualsiasi tipo di illuminazione e anche in condizioni di scarsa illuminazione. - di notte e al tramonto.

A sinistra ci sono le foto scattate con il modello Note 3, a destra le foto scattate con il modello Note 2:

L'unica modalità che mi ha deluso notevolmente è stata la stabilizzazione dell'immagine digitale. La qualità delle immagini scattate con la stilizzazione digitale è molto inferiore alla qualità delle immagini scattate con OIS.

Anche rispetto al modello Galaxy S4, le capacità video dello smartphone Samsung Galaxy Note 3 sono più ampie, sono state reintegrate con la modalità "Smooth motion", in cui la registrazione viene effettuata in 1080p ad una velocità di registrazione di 60 frame al secondo. Questo effetto è particolarmente pronunciato durante la panoramica con la fotocamera durante le riprese e la visione di video sul display del dispositivo, su una TV compatibile o sul monitor di un personal computer, ma un servizio come YouTube non supporta ancora questo formato.

Proprio come lo smartphone Samsung Galaxy S4, il modello Galaxy Note 3 può girare video in tre modalità di accelerazione e tre modalità di decelerazione con fattori 2, 4 e 8 volte. Il formato durante la ripresa di video al rallentatore è 1280 x 720 pixel (HD), ma in realtà la qualità dei video è molto inferiore. Quando si registra in modalità accelerata, il formato è anche 1280 x 720 pixel (HD) e la qualità video corrisponde davvero a quella dichiarata. Quando si riprende un video, è possibile scattare foto, ma non con la risoluzione massima, ma solo nello stesso formato del video: HD. Contemporaneamente allo zoom si attiva la funzione “zoom audio”, grazie alla quale viene aumentata la sensibilità del microfono al suono proveniente dall'area del fotogramma che si ingrandisce.

La fotocamera frontale dello smartphone Samsung Galaxy Note 3, sebbene abbia una risoluzione di soli due megapixel, può anche scattare foto e girare video a 1080p. La qualità della fotocamera frontale è sufficiente per fornire videochiamate di alta qualità e scattare un bellissimo autoritratto.

Sistema operativo e software

Lo smartphone Samsung Galaxy Note 3 funziona con il sistema operativo Android 4.3 e ha un'interfaccia utente proprietaria TouchWiz. Il Galaxy Note 3 ha una modifica speciale dell'interfaccia utente: TouchWiz Nature UX, che è ulteriormente ottimizzata per utilizzare le funzionalità dello stilo S Pen, delle modalità multi-finestra e multitasking.

Il display del modello Galaxy Note 3 è troppo grande per visualizzare una finestra di una sola applicazione su di esso, come pensavano gli sviluppatori di software Samsung e hanno fornito la modalità Multi Window, che consente di avviare e visualizzare contemporaneamente due finestre sullo schermo. Questa modalità è molto comoda, ti consente di aprire nella finestra superiore, ad esempio, Youtube, Twitter, lettore video o messenger e in quella inferiore alcune applicazioni o browser. In realtà è molto comodo e funzionale. Il modello Note 3 ha aggiunto la possibilità di creare e salvare su un pannello speciale, "tirato" dal riquadro sinistro del display, i preset del programma che possono essere utilizzati in modalità Multi Window. Ora puoi anche scambiare le finestre e trascinare testo e immagini con lo stilo da una finestra all'altra.

La seconda modalità multitasking del Samsung Galaxy Note 3 è la modalità finestra. Quando si seleziona la voce "Modalità multi-finestra" nel menu contestuale dello stilo della S Pen, all'utente viene richiesto di selezionare un'area rettangolare sullo schermo e l'applicazione da aprire in quest'area. Questa funzione ha diverse limitazioni. La cosa più importante riguarda la dimensione minima dell'area in cui la finestra dovrebbe essere visualizzata, è limitata. Vale anche la pena notare che molte utilità vengono visualizzate in modo sproporzionato in piccole finestre, motivo per cui i loro elementi sono distorti. Se un'applicazione che funziona in modalità multi-finestra non è richiesta, può essere compressa in un piccolo diagramma circolare. I dati del grafico vengono visualizzati sopra gli altri elementi sullo schermo. Se necessario, un'applicazione che opera in modalità multi-finestra può essere espansa per riempire l'intero schermo di uno smartphone.

La schermata di sblocco del dispositivo delizia l'utente con effetti grafici colorati. Ovviamente, a causa dell'animazione specifica, l'interfaccia TouchWiz non funziona così velocemente come vorremmo, ma, tuttavia, desktop e menu scorrono velocemente. Il coprocessore grafico fa fronte pienamente agli obblighi che gli sono imposti.

Tra le applicazioni preinstallate di marca, vorrei citare My Magazine, un'utility che raccoglie notizie da varie fonti, simile a Flipboard. L'applicazione viene richiamata facendo doppio clic sul pulsante Home o scorrendo il desktop dal basso verso l'alto. Se non hai l'abitudine di utilizzare un'applicazione di questo tipo, la sua frequente chiamata accidentale ti renderà nervoso e, se hai una tale abitudine, ti piacerà sicuramente.

Sullo smartphone Samsung Galaxy Note 3 sono installati anche S Planner (planner), SketchBook, in cui è possibile disegnare, S Health (un programma per interagire con vari accessori che aiutano a tenere traccia della propria salute), Evernote (notebook funzionale) con un anno di abbonamento premium e Dropbox (cloud storage, in cui 50 gigabyte di spazio sono a disposizione del proprietario dello smartphone in modo completamente gratuito). Proprio come gli altri smartphone e tablet Samsung, il Note 3 viene fornito con Samsung HUB preinstallato come alternativa all'app store di Google Play. Su Samsung HUB, il proprietario di uno smartphone Note 3 può acquistare libri, giochi, tutorial e app utili. Vale la pena notare che nello smartphone è stata prestata particolare attenzione alla stretta integrazione dei programmi Evernote e S Note, motivo per cui non sono più intercambiabili.ma complementare. È simbolico che sia stata prestata particolare attenzione ai programmi per notebook nel modello Note 3, questo sottolinea ancora una volta le specifiche del modello.

Molto utili si sono rivelati programmi come S Finder (un motore di ricerca dei contenuti di uno smartphone) e il già citato S Note, in cui si riconosce il grado di pressione sullo schermo con uno stilo. La funzione "Scrittura sullo schermo" può essere definita piuttosto interessante. Usando questa funzione, viene preso uno screenshot dell'immagine dello schermo corrente, dopodiché puoi scrivere il testo sullo screenshot usando lo stilo.

Sono stato soddisfatto della possibilità di abilitare le notifiche per qualsiasi applicazione preinstallata sullo smartphone. Nell'app store di Google Play, è possibile scaricare molte applicazioni che possono immettere un'ampia varietà di spam e pubblicità nella riga di notifica e quando si disattivano le notifiche dell'applicazione nelle impostazioni dello smartphone, queste informazioni non "vengono visualizzate", è molto conveniente.

Impossibile non dire una parola anche sulla modalità Samsung Knox, che è come uno smartphone virtuale molto criptato e protetto da occhi indiscreti. Samsung Knox è una modalità "nascosta", quindi, tutte le azioni eseguite in modalità Knox non vengono visualizzate durante il normale funzionamento, che si tratti di cronologia di navigazione, messaggi di testo, chiamate, lettere, immagini, contatti, note, ecc.

Per accedere al desktop della modalità Knox, è necessario inserire una password. Se la password viene inserita in modo errato per venti volte, tutte le informazioni memorizzate in Knox verranno cancellate e non verranno recapitate agli "hacker". Le icone delle utilità che possono essere eseguite in modalità Knox sono contrassegnate da un lucchetto. Se necessario, i programmi che supportano la modalità Knox possono essere acquistati da Samsung Knox Apps. Sicuramente, ci sono utenti che apprezzeranno e avranno bisogno di questo programma. Gli screenshot dello schermo in questa modalità non funzioneranno, perché non sacrificherai nulla per motivi di segretezza.

Potenziale multimediale

Il Samsung Galaxy Note 3 ha un lettore preinstallato funzionale e dal buon suono. Gli amanti della musica apprezzeranno la presenza di un equalizzatore funzionale e di un processore di effetti SoundAlive proprietario, con il quale è possibile consentire al musicista di scegliere i parametri sonori necessari in base al genere. L'utente può impostare in modo indipendente i parametri del suono selezionando uno dei preset presentati nel lettore o impostando manualmente gli slider dell'equalizzatore a 7 bande. Sono disponibili anche vari "enhancer" 3D, Bass e Clarity, così come effetti sonori familiari e poco familiari come riverbero da studio, riverbero da sala da concerto, imitazione del timbro di un amplificatore a valvole, imitazione di un suono a 7.1 canali, ecc.

Il lettore standard ha la capacità di ottimizzare il suono (Adapt Sound) nelle cuffie. Tutte le cuffie sono diverse e le caratteristiche di frequenza della maggior parte delle cuffie sono tutt'altro che ideali. Pertanto, l'uso della tecnologia Adapt Sound consente di amplificare il suono di frequenze non elaborate o poco sviluppate. Il processo di elaborazione è il seguente. All'utente viene chiesto di ascoltare un certo numero di canzoni e di dare una risposta "Sì / No" alla domanda "Senti il ​​suono?" Dopo aver ascoltato ciascuna delle tracce. Questa tecnologia di sintonizzazione funziona davvero, dopo l'accordatura puoi sentire nuovi colori e dettagli in composizioni già familiari.

Utilizzando un lettore standard, il Samsung Galaxy Note 3 riproduce musica nei formati MP3, FLAC, Vorbis, WAV, WMA e AAC / AAC + / eAAC +. Inoltre, il lettore riproduce formati di risoluzione a 24 bit / 192 kHz.

Non ci sono lamentele sul lavoro di un lettore video standard, riproduce video H.264, H.263, MPEG-4, VC-1, WMV7, WMV8, MP43, VP8, AVI, HEVC e MKV senza problemi. È abbastanza comodo riavvolgere i video utilizzando lo stilo S Pen, ad esempio, più lo stilo viene spostato verticalmente dalla barra di scorrimento, più lenta è la velocità di scorrimento del video. Con l'aiuto di bloccare / allargare le dita in una determinata area del video, puoi ingrandire e, di conseguenza, rimuovere singole parti del fotogramma. È anche conveniente regolare il volume del suono e la luminosità della retroilluminazione. È molto comodo guardare i video sull'enorme display dello smartphone Samsung Galaxy Note 3.

Nella parte 2 di questa recensione, puoi familiarizzare con l'autonomia dello smartphone, le capacità della S Pen e un elenco di accessori disponibili.