Recensione Olympus E-500

Recensione Olympus E-500

La prima reflex amatoriale Olympus - la E-300 rettangolare - difficilmente somiglia a una fotocamera reflex. In generale, si è rivelata una fotocamera non debole, sebbene avesse alcune lacune nel nucleo della sua base funzionale e di alta qualità, che non avrebbe fatto male a essere riparata (più precisamente, rifatta). Ma se dopo molti anni viene anche in mente a qualcuno di rilasciare rimproveri all'E-300, allora prima di tutto riguarderanno la decisione di progettazione. In effetti, perché esattamente un prisma di porro con uno specchio ripiegabile di lato invece del solito mirino a pentaprisma, che dà un'immagine più luminosa? Lasciamo che questa domanda rimanga retorica, soprattutto perché, finalmente, abbiamo ricevuto da Olympus una reflex amatoriale con un design tradizionale.

Il corpo della E-500 è solo un paio di millimetri più largo e più profondo della piccola Canon 350D, ma è molto più ergonomicamente confortevole grazie al suo equilibrio generale, soprattutto in combinazione con l'obiettivo "balena" 14-45 mm e un'ampia impugnatura gommata. In generale, dai tempi della Nikon D70, non abbiamo avuto la possibilità di avere a che fare con una fotocamera facile da usare come la Olympus E-500. Rispetto ad esso, il precedente E-300 perde sia in peso che in dimensioni e, di conseguenza, in sensazione ergonomica. Una ghiera a pulsante sul retro del telaio segue il layout dei controlli della 350D, con tasti del pad di navigazione che forniscono l'accesso a impostazioni importanti come bilanciamento del bianco e ISO. È vero, il laconicismo dei controlli esterni contrasta in modo sorprendente con il sistema insolitamente ramificato del menu virtuale E-500. Francamente,non siamo mai arrivati ​​ad alcune delle funzioni secondarie della fotocamera. Allo stesso tempo, il processo di familiarizzazione con il menu è facilitato da chiari, spesso costituiti da più parole per completezza, i nomi delle opzioni operative. A merito del produttore, vale la pena menzionare il display LCD da 2,5 pollici e la nuova tecnologia HyperCrystal. Immagine ipercristallina? A giudicare dal livello di chiarezza, luminosità e saturazione del colore sullo schermo, letteralmente si può dire. L'angolo massimo al quale è ancora possibile visualizzare l'immagine è di ben 160, e anche la luce solare diretta non è un grave ostacolo. Ma il mirino ottico, sebbene di tipo pentaprisma, è ancora deludente: lo schermo di messa a fuoco è troppo piccolo, i dettagli fini sono scarsamente distinguibili, l'effetto "tunnel".Il mirino mostra solo tre punti AF (mentre alcuni modelli di questa classe ne hanno fino a sette). In linea di principio, dato che la maggior parte dei professionisti lavora con un solo punto centrale, questo non può essere considerato un grave inconveniente. Il sistema di messa a fuoco automatica della E-500 ha funzionato perfettamente e solo in stanze con luce insufficiente abbiamo dovuto ricorrere all'illuminazione AF grazie al flash incorporato. A proposito di flash: il suo numero guida, o, approssimativamente, "portata", ora è 13, non 11 unità, e il flash stesso nella posizione sollevata si trova ancora più in alto sopra l'asse dell'obiettivo, il che riduce la probabilità di occhi rossi. La misurazione proprietaria multisegment Digital ESP dell'E-300 ha funzionato in una modalità strana, più simile a una modalità punto. Se il centro della cornice è, ad esempio,un grande oggetto bianco, la telecamera, guidata da essa, sottoesposta il resto dell'immagine. La E-500 non ha traccia di questo problema: la misurazione funziona quasi come un orologio.

L'eredità funzionale della fotocamera, ovviamente, non si limita a questo. È dotato di una modalità di anteprima della profondità di campo, blocco dello specchio per eliminare qualsiasi vibrazione e sfocatura risultante nell'immagine e persino un "set" di filtri di colore che imitano la tecnica della tradizionale fotografia in bianco e nero. Ad esempio, un filtro giallo scurisce il cielo, un filtro rosso ne aumenta il contrasto, un filtro arancione rende i tramonti più spettacolari, ecc. Infine, vorrei spendere alcune parole sulle caratteristiche di velocità della E-500. Considerando che ogni volta che alla partenza il sensore viene pulito dalla polvere tramite un filtro ad onde ultrasoniche, il tempo di accensione pari a 1,8 secondi può essere considerato migliore della media. Per quanto riguarda la velocità dello scatto continuo,quindi, nella modalità JPEG della massima qualità, Olympus può scrivere file da 4 MB su una scheda di memoria CompactFlash (come la SanDisk Ultra II) senza interruzioni finché non è piena a 2,7 fps.

L'E-500 ha lo stesso sensore del modello E-300 più giovane. Tuttavia, la nuova fotocamera beneficia di algoritmi di elaborazione software più sofisticati. Prendi il rumore digitale, ad esempio. La E-500 è dotata di una funzione aggiuntiva di riduzione del rumore che può essere attivata con sensibilità ISO elevate. In questo caso verrà effettuato un filtraggio sufficientemente efficace del segnale di crominanza, comportando però perdite significative di piccoli dettagli. A partire da ISO 400, l'immagine è effettivamente più chiara della E-300, il colore granuloso del rumore viene attenuato, ma con esso l'immagine stessa si ammorbidisce. È comunque meglio utilizzare le impostazioni di filtro minime, lasciando un livello di dettaglio accettabile.

В целом нам понравилось то, как камера разбиралась с шумами в тенях. В комплекте с «китовым» объективом камера демонстрировала очень хорошую резкость, практически не уступая Canon 350D. И все же при более пристальном рассмотрении мы обнаружили некоторые отличия. Слишком рьяная подгонка уровня резкости Olympus приводила к появлению характерных ореолов и зубчатых границ мелких объектов. Особенно в том случае, когда эта граница проходила вдоль пересвеченных областей. Хотя в целом система экспозамера Е-500 вела себя достаточно «хладнокровно» и уверенно, но те мелкие пересветы, которые порой встречались на изображениях, преподносились в довольно резкой манере, свойственной любительским цифровым камерам. Съемка в RAW исправляет данный недостаток. ПЗС-матрица Е-500 имеет слабенький фильтр защиты от наложения спектров, из-за чего иногда тонкая муаровая сетка покрывает мельчайшие детали объектов. Ее появление может быть признаком хорошей разрешающей способности объектива (которая, правда, превышает разрешающий предел самого сенсора).

E qualche parola sulla resa dei colori. Lo stile Olympus è stato chiaramente indovinato qui, caratterizzato da una significativa saturazione dei singoli colori: i consumatori adorano queste immagini. Sul nostro grafico di test della gamma Imatest, il livello più alto di sovrasaturazione è contrassegnato in rosso. Non sorprende che la pelle delle modelle avesse una tinta rosata. Ma gli altri colori primari - blu, giallo e verde - sono stati catturati dalla fotocamera in modo molto accurato.

Punti chiave

Design

Al centro del case c'è una base in alluminio pressofuso incorniciata da plastica resistente. Con un obiettivo da 14-45 mm montato, una batteria e una scheda di memoria, la E-500 è una delle reflex digitali più leggere sul mercato. L'impugnatura a destra è ampia e abbastanza massiccia da adattarsi comodamente anche a grandi mani maschili. L'unica cosa che vorremmo vedere su questa custodia ergonomica è un pannello informativo aggiuntivo

Interfacce

Sul lato sinistro della custodia E-500 c'è la sua unica interfaccia di connessione: una porta multifunzionale, che viene duplicata come interfaccia USB per il trasferimento di file di immagini su un computer, e una porta audio / video

Lens

Le lenti del sistema 4/3 sono ottimizzate per funzionare con sensori di dimensioni inferiori a 35 mm, restringendo il loro campo visivo. Per calcolare la lunghezza focale della linea dell'obiettivo Zuiko, che è equivalente allo stesso formato 35 mm, è necessario moltiplicarla per due. Cioè, la "balena" 14-45 mm è in realtà una lente da 28-90 mm

Manipolatore D-PAD

Quattro tasti di navigazione del menu sono allineati in un cerchio, al centro c'è un pulsante OK. Il tasto freccia su viene utilizzato anche per impostare le modalità di bilanciamento del bianco, il tasto inferiore viene utilizzato per la sensibilità ISO. Il tasto freccia sinistra seleziona la misurazione, opposta all'impostazione della modalità AF

Batterie

Lo sportello della batteria ha un piccolo fermo di sicurezza. Nell'impugnatura riposa la batteria proprietaria BLM-1, che abbiamo visto nelle precedenti fotocamere SLR Olympus. Ci vogliono 1,5-2 ore per ricaricarlo, non di più. La nuova batteria dovrebbe durare in media 400 scatti, ma con un uso moderato dell'enorme LCD, che, ovviamente, scaricherà la batteria in modo significativo. Oltre alla batteria principale, è possibile utilizzare un adattatore esterno aggiuntivo che può ospitare tre celle CR123A

Scheda di memoria

Sul lato destro dell'impugnatura ci sono due slot per CompactFlash e una scheda xD-Picture. In base ai risultati del test, la velocità di scrittura di file di grandi dimensioni su quest'ultimo è tre o anche quattro volte inferiore rispetto a CompactFlash. Apparentemente, i creatori hanno deciso di dotare la E-500 di uno slot per xD-Picture Card per incoraggiare gli utenti Olympus dilettanti che utilizzano questo tipo di scheda di memoria ad acquistare una fotocamera SLR. Nella parte principale di questa recensione, abbiamo parlato dei vantaggi di scattare in formato RAW. Quindi, nonostante le dimensioni gigantesche di tali file - 12-13 MB, la fotocamera li salva su CompactFlash in soli 2,5-3,5 secondi

professionisti

- Funzionalità

- Rapporto qualità prezzo

- Risoluzione, resa cromatica

- Modalità di riduzione del rumore migliorata (rispetto a E-300)

- Il filtro a onde ultrasoniche impedisce alla polvere di entrare nel sensore

- Impostazioni personalizzate complete

- Ergonomia del case

Svantaggi

- Il rumore è più evidente ad alti ISO rispetto ad alcuni modelli della concorrenza

- Le sovraesposizioni casuali sono troppo dure

- Algoritmo di nitidezza intra-camera sufficientemente aggressivo

- Mirino piccolo e scuro

- Vorrei più agilità all'inizio (la possibilità di disattivare il filtro antipolvere)

Specifiche

Modello : Olympus E-500

Numero di megapixel - 8.0

Dimensioni del sensore : 17,3 x 13,0 mm

Risoluzione massima : 3264x2448

Lente - Ottiche intercambiabili 4/3

Gamma di messa a fuoco : determinata dall'obiettivo

Velocità otturatore - 60 - 1/4000 sec (fino a 8 min in modalità Bulb)

ISO - 100-400 in step di 1/3 EV, Boost fino a 1600

Modalità di esposizione : cambio programma, priorità diaframma / otturatore, manuale, programmi scena

Misurazione - ESP digitale (49 zone), spot (tiene conto dei dati dal 2% dell'area del fotogramma), ponderata centrale

Modalità flash : auto, riduzione occhi rossi, sincronizzazione lenta, sincronizzazione lenta con riduzione occhi rossi, sincronizzazione seconda tendina

Interfaccia : USB, AV

Peso - 479 g (con batteria)

Dimensioni : 130x95x66 mm

Batterie - Batteria agli ioni di litio

Schede di memoria - xD-Picture card, Compact Flash tipo I / II

LCD - 2,5 pollici