CURA DEL PRATO - come prendersi cura del proprio prato in primavera, estate e autunno, preparandosi per l'inverno

Dicono che l'erba del prato in giardino non richieda molta manutenzione. Dopotutto, sui prati delle foreste, nessuno falcia l'erba e non innaffia i fiori - e crescono magnificamente. La miscela di erba per il prato artificiale domestico viene raccolta da colture che richiedono attenzione. Pertanto, è imperativo prendersi cura adeguatamente dell'erba del prato!

Quanto spesso innaffiare il prato?

È meglio curare e annaffiare il tappeto erboso la sera o la mattina presto. Durante il giorno, soprattutto se il sole picchia, l'acqua evapora più velocemente e le piante non hanno il tempo di assorbire l'umidità. Durante la notte l'umidità penetra in profondità nel terreno, saturando le radici delle piante.

Innaffia l'erba del prato non con un ruscello, ma gocciola, in modo da non danneggiare gli steli e non erodere il terreno attorno alle piantagioni.

Quanto innaffiare?

Dipende dal suolo, dal tempo della precedente irrigazione, dal tempo. Ottenere l'esatto tasso di irrigazione è problematico. Innaffia abbondantemente il prato, ma non finché non compaiono le pozzanghere. Per scoprire se c'è abbastanza umidità per l'erba, testare il terreno a una profondità di 100 mm. Se è asciutto, aumentare l'intensità dell'irrigazione.

Come irrigare correttamente il tuo prato?

Dipende anche dalle caratteristiche del terreno e dalle condizioni meteorologiche. Nella stagione calda, innaffia il prato su terreni sabbiosi due volte a settimana, con tempo fresco - una volta ogni 10 giorni. I prati su allumina o terriccio non sono stravaganti per l'acqua. Irrigare l'erba secondo necessità, la terra dovrebbe avere il tempo di asciugarsi.

Con cosa annaffiare?

Lasciati guidare dalle dimensioni del sito e dalla disponibilità di attrezzature. Sono disponibili diverse opzioni:

  1. Irrigazione fai-da-te con un tubo da giardino con un ugello spray. Quando si sceglie un tubo, prestare attenzione al numero di strati. Più ce ne sono, più a lungo durerà il tubo. Gli strati superiori sono progettati per proteggere dal sole, quelli intermedi rinforzano, gli strati interni non consentono lo sviluppo delle alghe più semplici. Inoltre, il tubo dovrebbe essere leggero.
  2. Irrigazione automatica tramite sistemi di irrigazione (sprinkler). Irrigatori - perché simulano le gocce di pioggia in base al lavoro di irrigatori e irroratori che disperdono il flusso d'acqua.

    • Ci sono circolari non regolabili. Sono ideali per piccoli prati. Diversi irrigatori possono essere combinati in un sistema e collegati a una fonte d'acqua. Puoi anche impostare il timer in modo che si accenda.
    • I modelli mobili ruotano, irrigando le aree una per una.
  3. I sistemi di irrigazione sono spesso nascosti sottoterra. Ottimo per grandi aree, oltre 6 acri. Gli irrigatori in tali sistemi sono fuori terra o sotterranei (incassati), che vengono estesi solo per l'irrigazione.

    Non è facile realizzare sistemi di irrigazione sotterranei con le proprie mani. Questo di solito viene fatto da ingegneri specializzati.

Tagliare l'erba

Falciare il prato non è solo una questione di estetica. Il taglio dell'erba è essenziale per lo sviluppo vegetativo delle piante. Quindi, si adattano meglio. I loro rizomi crescono e creano un tappeto erboso denso.

Come falciare correttamente il prato?

Taglia con tempo asciutto. Ma se l'erba è già cresciuta, è meglio falciare quando è nuvoloso o al mattino presto - con abbondante rugiada. Le lame del tosaerba si smusseranno di meno.

L'erba si inclina nella direzione in cui viene falciata, quindi cambia la direzione del tosaerba a ogni taglio. Il manto erboso sarà stretto e diritto. E se falci in tempo, anche senza punti calvi che si presentano a causa della scarsa penetrazione della luce nelle parti inferiori dell'erba.

È meglio raccogliere l'erba tagliata e metterla nel compost. Un ottimo fertilizzante organico si ottiene dall'humus, saturo di oligoelementi e humus. Nelle giornate calde, puoi lasciare l'area falciata per 2-3 giorni per trattenere più umidità nel terreno.

Quanto spesso dovresti falciare il tuo prato?

Non è necessario falciare il prato troppo spesso. In media, questo viene fatto una volta ogni 1-2 settimane in modo che l'erba abbia il tempo di crescere, diventare più forte e trasferire energia per lo sviluppo dell'apparato radicale.

Il primo taglio di capelli dopo l'inverno è diverso dal solito. Tagliare il prato quando l'erba cresce fino a 10 cm Tagliare uno stelo in modo che l'erba del prato si riprenda più velocemente dopo il freddo. Impostare la lama del tosaerba al livello più alto, almeno 8 cm Questa procedura rallenterà la crescita delle erbacce. Dopo alcuni tagli di capelli "in cima", smetteranno di crescere del tutto. Il resto del tempo, quando l'erba cresce intensamente, taglia di più, ma lascia almeno 40 mm. In steli troppo corti, le radici si indeboliscono più velocemente e il terreno si asciuga più spesso. Lascia l'erba più a lungo: gli steli si indeboliranno.

Se non sai quando è l'ultima volta che falciare il manto erboso, lasciati guidare dal tempo. L'erba cresce a temperature comprese tra i 5 ° C. Monitorare la temperatura dell'aria per determinare l'ultimo taglio.

Come falciare il prato?

Per tagliare la radura non si trasforma in un lavoro pesante, scegli lo strumento "giusto".

  1. Un decespugliatore elettrico oa benzina è più comodo da falciare rispetto a un decespugliatore laterale convenzionale. Il trimmer è leggero e manovrabile, ma rumoroso al lavoro. Non esiste un problema del genere con una falce, ma richiede abilità e diventa rapidamente noiosa.
  2. I tosaerba facilitano la falciatura. A differenza dei trimmer, sono dotati di collettori che raccolgono e tagliano il taglio. Non devi spalare l'erba alla vecchia maniera. Quando si sceglie un tosaerba, prestare attenzione alla potenza del motore. Più potente, più duraturo.

    • I tosaerba elettrici sono facili da usare: non è necessario aggiungere benzina o olio. Ma devi preoccuparti affinché il filo non cada sotto i ferri, il motore non bruci, ci sarebbe abbastanza filo per tutto il perimetro del prato ...
    • I modelli a benzina sono più pratici. Se il tosaerba ha una linea di 2,5 mm, puoi persino tagliare lamponi e ribes. Con gli accessori staccabili, puoi trasformare facilmente il tuo rasaerba in un coltivatore o uno spazzaneve.
  3. I motociclisti e i mini trattori vengono utilizzati per falciare vaste aree difficili da mantenere manualmente.

Come rimuovere muschio ed erbacce dal tuo prato

Il muschio in una radura appare a causa delle irregolarità del terreno, della forte compattazione o dell'aumentata acidità della terra, nonché della mancanza di nutrienti e dello scarso drenaggio del terreno. Un taglio di capelli troppo basso e un'ombreggiatura forte contribuiscono al suo aspetto.

Per rimuovere il muschio, identificare e correggere la causa. Livella il terreno. Se il terreno è acido, calcinalo. Per un terreno con carenza di nutrienti, è necessaria un'alimentazione complessa. Per distruggere il muschio sul prato a causa dell'ombra pesante, sostituire l'erba con una meno stravagante. Semina festuca rossa o bluegrass.

Se vaste aree sono interessate dal muschio e i metodi di cui sopra sono inefficaci, utilizzare prodotti chimici per rimuovere muschio o erbacce.

Tratta la radura con una soluzione chimica in una mattina calda e asciutta. Acqua dopo due giorni. Il muschio diventerà nero dopo due settimane. Rastrellalo, aggiungi le macchie calve che appaiono con l'erba.

Il controllo delle infestanti è efficace in due modi: diserbo o trattamento chimico. Il modo più sicuro per distruggere le erbacce è a mano, scavandole dalle radici. Questo dà un buon risultato, ma è laborioso e richiede tempo. E in un grande prato è quasi impossibile.

Quando ci sono molte erbacce e l'area per l'erba è grande, è meglio usare diserbanti. Gli esperti raccomandano di trattare l'area con erbicidi continui prima di piantare la vegetazione sul prato. Quando asciugano le erbacce, semina l'erba.

In un prato verde e fiorito, usa erbicidi selettivi che distruggono un tipo specifico di erba senza danneggiare le colture da prato. Gli erbicidi selettivi sono buoni perché distruggono non solo i gambi, ma anche il sistema di radici delle infestanti. Il trattamento chimico delle erbacce è meglio farlo in una giornata calda e senza vento, quando l'erba è asciutta.

Per mantenere il tuo prato verde senza erbacce, è sufficiente falciare e irrigare regolarmente. Aumentano la densità del tappeto erboso e del manto erboso, eliminando così le erbacce. Le erbacce annuali moriranno a causa di frequenti tagli di capelli.

Fertilizzare e nutrire il prato

Devi concimare l'erba tre volte all'anno - in primavera, estate e autunno. L'alimentazione tempestiva rafforza l'erba e contribuisce alla distruzione delle erbacce.

Seguire le raccomandazioni del produttore per la quantità di fertilizzante per prato e l'ordine in cui viene applicato. Se esageri, puoi danneggiare il tuo prato e semplicemente bruciare l'erba.

Considera la stagionalità quando scegli con cosa concimare il tuo prato. I fertilizzanti primaverili ed estivi contengono molto azoto, necessario per la crescita attiva dell'erba. Nell'alimentazione autunnale c'è più fosforo e potassio, che rafforzano le radici e aumentano la resistenza al freddo.

Come concimare il tuo prato?

Dopo il taglio, prima di annaffiare. È meglio applicare la medicazione superiore attraverso un setaccio speciale o usando una spatola.

Si ritiene che l'erba tagliata sia anche un buon fertilizzante per il prato. È un'illusione. L'erba tagliata è utile come strato protettivo per il tappeto erboso durante i periodi caldi. Con l'inizio del freddo, non proteggerà dal gelo, quindi coprite il prato con un foglio.

Aerazione e scarificazione del prato

La scarificazione è la procedura più efficace per rimuovere erba secca, muschio e detriti vegetali da un prato. Allentando e pettinando il terreno, renderai più facile per aria e luce raggiungere gli strati inferiori dell'erba e migliorerai la penetrazione dei fertilizzanti nel terreno.

È necessario scarificare il prato secondo necessità, più volte a stagione: in primavera dopo che la neve si scioglie, in estate - per rimuovere i resti dell'erba tagliata, in autunno - per pulire le foglie cadute.

Strumenti di scarificazione: ventola o rastrelli da giardino ordinari, soffiatori da giardino, scarificatori o accessori speciali per tosaerba.

Dopo la scarificazione, è utile aerare il prato per consentire all'acqua, all'aria e al fertilizzante di raggiungere le radici. Per questo, il terreno viene perforato a 10-15 cm di profondità. Puoi perforare il terreno con forchette normali (più volte a stagione) o con forchette a denti cavi (una volta ogni 2-3 anni). Esistono anche speciali aeratori: piede, sotto forma di sandali dentati, meccanici ed elettrici.

Dopo aver aerato, cospargere di sabbia grossolana sul prato per riempire i buchi. La carteggiatura migliora la permeabilità del terreno e rinnova il terreno.

Riparazione del prato

Livellamento e semina del prato

Nel tempo, l'erba invecchia e perde la sua densità. Se sul prato appaiono macchie calve, riparalo. Per mantenere il prato ben curato, semina tempestivamente le aree con zone calve. È meglio farlo con tempo nuvoloso o piovoso. Prima di livellare il terreno o seminare, pettina l'erba con un rastrello per rimuovere le piante morte. Per seminare correttamente, ritaglia i punti calvi, allenta il terreno, aggiungi fertilizzante e semina.

Se è necessario livellare l'area verde dai dossi, tagliare la zolla nei punti sporgenti, piegare e livellare il terreno in eccesso. Fai lo stesso se le radici degli alberi sporgono dal prato, che potrebbero danneggiare il tosaerba. Sbucciare il tappeto erboso tagliato, rimuovere la radice e riportare lo strato verde nella posizione originale.

Pacciamatura del prato

La pacciamatura è la distribuzione di una speciale miscela fertile sulla superficie del prato per correggere le irregolarità del terreno, migliorare la nutrizione delle radici e ridurre l'evaporazione dell'umidità dal terreno.

Pacciamare il prato con miscele diverse, a seconda del tipo di terreno. Spesso le miscele comprendono sabbia, torba e terreno fertile, mescolati in proporzioni diverse, talvolta con l'aggiunta di humus fogliare.

  • la pacciamatura impedisce l'evaporazione dell'umidità dal terreno;
  • protegge le radici dal gelo nel freddo invernale;
  • regola il livello di acidità della terra;
  • arricchisce il terreno con sostanze utili e impedisce loro di lisciviare o evaporare dal terreno;
  • le erbacce germinano peggio attraverso il pacciame.

Il prato viene trinciato una volta all'anno, di solito all'inizio dell'autunno, dopo averlo falciato e ripulito dal feltro.

È altrettanto importante atterrare sul prato una volta ogni cinque anni in primavera o in autunno. Cospargere il terreno con fertilizzanti organici marci migliorerà l'accrescimento delle erbe e la zolla diventerà più spessa. Utilizzare la miscela organica in modo ottimale, in un rapporto di 7-10 kg per 1 m² di terreno.

Calendario per la cura del prato

Cura del prato in primavera

La cura dell'erba del prato in primavera inizia con il primo disgelo. Dopo l'inverno, il prato è pieno di umidità, indebolito e facilmente danneggiato. A marzo, cerca di non calpestarlo di nuovo, in modo che non ci siano buche o buche dai binari. Questo è particolarmente pericoloso per i prati giovani.

Quando il terriccio si asciuga, eseguire la pettinatura (verticulation) e rimuovere il feltro formato con un ventilatore o un normale rastrello. Se trovi focolai di malattie dell'erba, usa un tosaerba per tagliare tutte le piante nell'area colpita il più in basso possibile. Scava, sciogli il terreno con un rastrello e solo dopo 10 giorni semina nuovi semi.

Cura del prato estivo

La risposta principale alla domanda: "Come prendersi cura del prato in estate" è irrigarlo in tempo e falciarlo regolarmente. Il prato potrebbe aver bisogno di ulteriore alimentazione in piena estate. Se noti che l'erba ha iniziato a ingiallire, introdurre fertilizzanti primaverili. Entro luglio-agosto, il terriccio viene gradualmente compattato, quindi aerare e pacciamare per migliorare il ricambio d'aria.

Cura del prato in autunno. Preparare il prato per l'inverno

La cura del prato a settembre non è molto diversa da agosto. Falciare e innaffiare secondo necessità. Se, dopo la calura estiva, sul tappeto erboso compaiono punti calvi, semina queste aree. La migliore medicazione del prato in autunno viene effettuata in ottobre, utilizzando speciali fertilizzanti autunnali. Non usare quelli primaverili con molto azoto, di cui l'erba non ha affatto bisogno con l'inizio del freddo.

In una giornata asciutta, arieggia il prato per drenare l'umidità della pioggia negli strati più profondi del terreno. Se ciò non viene fatto, con l'arrivo del gelo il tuo prato sarà coperto da una crosta di ghiaccio.

L'ultima falciatura del prato in autunno viene effettuata alla fine di ottobre - novembre. Idealmente, prima dello svernamento, l'altezza dei gambi dell'erba dovrebbe essere di 60-80 mm. Pulire regolarmente l'erba da foglie cadute, rami, steli secchi in modo che non interferiscano con la ventilazione.

In inverno, il prato non necessita di lavorazione. L'importante è non camminarci sopra fino a quando non appare il manto nevoso. Su un prato ghiacciato, è consigliabile rompere la crosta di ghiaccio.

Articolo utile: "Come prendersi cura delle rose: consigli comprovati di giardinieri esperti"

Guarda la video recensione dei tosaerba Honda