COME SCEGLIERE IL CAFFÈ CAFFÈ - che è meglio: Arabica o Robusta

Arabica e Robusta sono come il cielo e la terra. I fagioli Arabica conferiscono alla bevanda un gusto straordinario e sofisticato. E un profumo squisito. Sono utilizzati nel caffè per rendere la bevanda davvero corroborante, morbida, con il retrogusto di cioccolato, nocciola o cremoso che tanto amiamo nel caffè.

La robusta è buona, ma solo se mescolata con arabica: dona alla bevanda densità, amarezza e l'ambita schiuma cremosa e persistente. E nella sua forma pura, Robusta produce un caffè forte e amaro con un retrogusto terroso. Contiene tre volte più caffeina dell'Arabica. Le varietà robusta costose hanno un gusto specifico, anche se ad alcune persone piace.

Le varietà Arabica sono più costose della Robusta. E non solo perché ha un sapore migliore. La sua resa è inferiore. E se cresce in alta montagna, allora è valutato in modo speciale. Un chicco denso contiene più oli aromatici, quindi matura più a lungo, accumulando completamente i profumi.

La varietà o miscela di cereali forma un gusto e un aroma speciali della bevanda. Il caffè più pregiato è ottenuto da chicchi di Arabica, mentre le famose miscele di espresso italiano contengono Arabica con Robusta.

Qualunque cosa dicano i guru del caffè, la mentalità ucraina è simile a quella italiana. Pertanto, se ti piacciono i caffè deliziosi, dovresti provare una miscela di Arabica e Robusta in proporzioni diverse.

  • La composizione 100% Arabica è spesso una miscela di fagioli provenienti da diversi continenti. Il caffè vi delizierà con il suo gusto morbido e vellutato dalla piacevole acidità.
  • 90% Arabica, 10% Robusta rinvigorisce.
  • 80% Arabica e 20% Robusta: la bevanda si distingue per una leggera acidità e una sottile amarezza. Il caffè è insolitamente denso e denso. Gli amanti dell'espresso forte e corroborante hanno ragione.
  • 70% robusta, 30% arabica: questa miscela non inacidisce. Ma l'armonia di amarezza e dolcezza rende questa bevanda corroborante deliziosa nel gusto.

Il caffè dura bene fino a due anni e non perde le sue caratteristiche. Non richiede nemmeno condizioni di conservazione speciali. L'unica cosa è che non dovrebbero esserci fonti con odori pronunciati nelle vicinanze, perché il caffè "li attrae" a sé. Non c'è da stupirsi che abbiano messo un barattolo di caffè in un frigorifero maleodorante.

Quale caffè tostato è migliore

Il gusto della bevanda determina non solo la miscela, ma anche il grado di tostatura dei fagioli. Quando non sono tostati, i chicchi di caffè sono di colore verde chiaro. Cambia a seconda della durata della tostatura. Ci sono dieci gradi di trattamento termico. Più i fagioli vengono tostati, più profumano.

Sotto l'influenza dell'alta temperatura, il grano cambia la sua struttura chimica. In esso avviene un processo di fermentazione irreversibile: i chicchi aumentano di volume, si aprono, da essi evapora fino al 20% di umidità.

Arrosto leggero

Separare diversi gradi di tostatura leggera.

  • Il primo grado è scandinavo. I chicchi vengono fritti per breve tempo ea basse temperature. Non hanno il tempo di aprirsi, aumentando a malapena di dimensioni. Emettono un odore di lievito acido, che ricorda l'aroma del pane appena sfornato. Questo metodo è adatto per le varietà Arabica coltivate negli altopiani della Giamaica e del Kenya. Il caffè nicaraguense viene tostato allo stesso modo. Non ha una struttura a grana densa. I fagioli rilasciano acqua anche con una minima esposizione alla temperatura. La bevanda marrone chiaro risulta essere debole, con un aroma sottile.
  • Il secondo grado di doratura è americano o New England. Si verifica prima del primo clic (cracking) dei grani. Assumono una tinta marrone chiaro. La bevanda è più brillante, più ricca, ma non espressiva nel gusto. Si percepisce un distinto aroma di caffè.
  • Anche il terzo grado di tostatura è urbano. Dura un po 'di più dopo il primo clic, ma non raggiunge il secondo. I grani acquisiscono una tinta rossastra. L'odore si intensifica, nella bevanda compaiono note di erbe di caffè. Il colore del caffè risulta essere più scuro, il gusto è pronunciato acidità.

Arrosto universale

Per qualsiasi ricetta di caffè Arabica e Robusta importata da Brasile, Colombia, Costa Rica ed Etiopia, la tostatura media è l'ideale.

  • Il primo grado è città piena (città piena). I girarrosti friggono finché non sentono un secondo pop. Nel frattempo sui fagioli compaiono goccioline di olio, che si scuriscono notevolmente a causa della caramellizzazione dello zucchero rilasciato. La bevanda preparata ha un bel colore, un aroma mozzafiato e una viscosità equilibrata. Nel gusto si avvertono asprezza e retrogusto amaro-nocciola.
  • Il secondo grado di tostatura è conosciuto con molti nomi: French light, Viennese, Velvet, Business Roast, Vellutino, ecc. Conferisce ai chicchi di caffè marrone scuro un aspetto lucido. Trasudano un fumo bluastro dagli oli in fiamme. E l'aroma del caffè tostato è saporito. La bevanda è ricca e forte con un amaro da caffè. Rivela caramello e sapori dolciastri.

Arrosto forte

Un arrosto più scuro della media conferisce ai fagioli una tonalità di cioccolato. Il gusto di tale caffè è aspro con un'amarezza tangibile, un aroma ricco. È così che vengono fritte le varietà Arabica e Robusta guatemalteche, cubane e brasiliane.

  • Il primo grado di tostatura è turco o francese. Ciò si verifica fino a quando il secondo chicco si spezza, fino a quando appare l'odore del caffè bruciato. La bevanda finita risulta essere viscosa e forte, con retrogusto amaro e note di caramello.
  • Il secondo grado è europeo, continentale o di New Orleans. Il grano si scurisce, si incrina e fuma. La cosa principale è non sovraesporre, altrimenti si brucerà. Il caffè è denso, denso-viscoso, forte, con note amarognole-affumicate. Se l'arabica è zuccherina, apparirà nella bevanda con un leggero semitono di zucchero bruciato.

Arrosto scuro: spagnolo, cubano o messicano

Con la tostatura scura, l'acqua evapora al massimo dai fagioli. I chicchi diventano sottili e fragili a causa del fatto che oli aromatici e saccaridi attraversano uno stadio di pirolisi e decomposizione. Il caffè preparato è denso e forte. Spesso, i chicchi tostati vengono aggiunti a miscele diverse per diversificare la tavolozza dei sapori.

Arrosto italiano

In questo modo si preparano le miscele espresso. I chicchi molto tostati vengono raffreddati rapidamente con un getto di aria compressa. Per arricchire il gusto della bevanda, a volte viene trattata nuovamente. Dove si coltiva il caffè, lo sanno: le varietà colombiane, brasiliane, etiopi, guineane ed ecuadoriane rivelano il gusto della bevanda nel migliore dei modi.

Due o tre giorni dopo la tostatura, l'anidride carbonica viene rilasciata attivamente dal caffè. I chicchi vengono lasciati aperti per tre giorni per ventilare e solo allora vengono confezionati in sacchetti di carta con uno strato di pellicola. Tale imballaggio non lascia entrare gli odori, ferma l'ossidazione e mantiene un livello ottimale di umidità del grano.

Il caffè verde non può essere utilizzato nelle macchine da caffè durante la macinazione, perché è denso e intasa le macine. Per pulirli, dovrai chiamare il maestro.

Il caffè "invecchiamento" di due giorni viene confezionato in sacchi con apposite valvole di degasaggio, attraverso le quali viene rilasciata anidride carbonica. E lo vendono con il marchio di caffè appena tostato. Ma non lasciarti ingannare dallo stratagemma del marketing quando acquisti caffè in confezioni con valvola di degasaggio. I fagioli hanno un debole odore subito dopo la tostatura.

L'aroma appare gradualmente e ogni giorno diventa più distinto. Il decimo si apre in piena forza e il ventottesimo giorno inizia a svanire lentamente. Quindi non perdere questo momento: il caffè appena tostato fa bene per un mese, ma non dai primi giorni dopo la tostatura!

Per sperimentare appieno la varietà degli aromi del caffè, bevi caffè appena macinato e appena preparato. E sarai felice -))).

Leggi: "Caffè: benefici per la salute e danni, miti e fatti"

Guarda il video su come preparare il caffè in una caffettiera geyser